area #Next. Dopo il diploma. Opportunità di orientamento per gli studenti delle classi quinte

"Foreste dense e selvagge”

La lezione universale di Primo Levi


“La tregua” è l’opera nella quale Levi ci spiega che “... esistono remissioni, “tregue”, come nella vita del campo l’inquieto riposo notturno; e la stessa vita umana è una tregua, una proroga; ma sono intervalli brevi, e presto interrotti dal “comando dell’alba”, temuto ma non inatteso, dalla voce straniera (“Wstawać” significa “Alzarsi”, in polacco) che pure tutti intendono e obbediscono. Questa voce comanda, anzi invita alla morte, ed è sommessa perché la morte è iscritta nella vita, è implicita nel destino umano, inevitabile, irresistibile; allo stesso modo nessuno avrebbe potuto pensare di opporsi al comando del risveglio, nelle gelide albe di Auschwitz».

È nelle pagine del romanzo del ritorno che trova ispirazione la riflessione propedeutica alla nuova edizione del progetto “Un treno per Auschwitz”. Il racconto del viaggio verso casa di Primo Levi allontana il buio descritto in “Se questo è un uomo” per ritrovare i colori del paesaggio europeo sfiancato dalla distruzione, ma anche il grigiore dei foschi villaggi deserti.

Le foreste dense e selvagge percorse dal treno che viaggia verso est sono quelle dietro le quali il nazismo ha nascosto le strutture di morte del popolo ebraico d’Europa.

I nomi delle stazioni Krakow, Tarnóv, Rzeszów che Primo Levi scorse tra i rami intralciati sono ancora lì e purtroppo evocano ancora i nomi agghiaccianti di Auschwitz-Birkenau, Chełmno, Sobibór, Treblinka, Majdanek, e Bełżec.

Il cammino paziente di “Un treno per Auschwitz” si fermerà per la prima volta anche sulle ceneri di Bełżec per ascoltare il silenzio dei Sommersi.

Lorena Pasquini


Gli attori di viaggio

Progetto: Lorena Pasquini

Ente promotore: Archivio storico “Bigio Savoldi e Livia Bottardi Milani”

Ente responsabile organizzazione e coordinamento attività: I luoghi. Centro studi per l’educazione alla cittadinanza


Le fasi del progetto

Il metodo, collaudato in anni di esperienza de “Un treno per Auschwitz” si fonda su una serie di attività in cui i partecipanti sono i protagonisti del progetto attraverso le seguenti fasi:

  1. la preparazione del viaggio per i docenti e per gli studenti, che si realizza attraverso indicazioni e strumenti forniti nel periodo precedente il viaggio dal momento dell’adesione della scuola e la partecipazione alle giornate di studio previste; verrà inoltre affidato un lavoro autonomo per ogni gruppo scuola per la preparazione di alcune attività che si terranno durante il viaggio, di cui verranno date le specifiche alle scuole aderenti al progetto.
  2. l’azione durante il viaggio ad Auschwitz, attraverso il confronto, lo scambio con gli altri compagni di viaggio, ma soprattutto attraverso l’esperienza fisica del viaggio;
  3. la rielaborazione dell’esperienza attraverso laboratori finalizzati alla pubblicazione dei materiali prodotti con l’obiettivo di mettere in valore l’impegno dei partecipanti e di divulgare e conservare a beneficio di tutti coloro che sono rimasti.


Il viaggio

Il viaggio, della durata di 4 giorni, verrà effettuato: nel mese di novembre (dal 2 al 5 novembre) con partenza da Brescia. L’adesione presuppone la partecipazione a tutte le fasi del progetto. I percorsi propedeutici proposti ai docenti accompagnatori e agli studenti costituiscono parte integrante del progetto. I programmi dettagliati saranno disponibili per le scuole che aderiranno al progetto.

L'Ultimate Frisbee, comunemente chiamato Ultimate, nasce alla fine degli anni sessanta negli Stati Uniti e rapidamente si diffonde in tutto il mondo fino a convertirsi in uno sport realmente internazionale.


Oggi l'Ultimate viene praticato in sei continenti e sono ben 62 i paesi che aderiscono alla World Flying Disc Federation (WFDF) che ogni quattro anni organizza i Mondiali, manifestazioni che ormai radunano migliaia di giocatori. Nel 2015 la WFDF e gli sport del Flying Disc sono stati pienamente riconosciuti dal Comitato Olimpico Internazionale (CIO).


L'Ultimate è uno sport speciale che seduce rapidamente per la sua immediatezza e la sua spettacolarità di gioco. Per praticarlo è sufficiente un disco, due squadre e un campo. Il campo da gioco è un rettangolo con due aree di meta a ciascun estremo. Si gioca con un disco regolamentare (Discraft 175 grammi) e non è previsto il contatto fisico. Per segnare un punto la squadra deve avanzare fino a raggiungere la meta avversaria passandosi il disco, dato che al giocatore col disco in mano non è permesso correre.

Ogni studente può richiedere alla Prof.ssa Monica Taraschi, un colloquio individuale orientativo. L'obiettivo in questi colloqui è quello di intraprendere con gli studenti un percorso di riflessione su di sé e sul proprio processo decisionale che, dopo l'estate, dovrà tradursi in una scelta fattiva scolastica o lavorativa per il futuro.

A partire da dicembre, agli studenti delle classi quinte sarà offerta la possibilità di conoscere vari esponenti delle professioni più diverse. Si potranno incontrare concrete esperienze di vita in cui la passione, lo studio, l'impegno e la fatica, hanno contribuito a realizzare percorsi e obiettivi attraverso precise scelte formative e professionali.


Si svolgeranno al bar, dalle 8 alle 9
, a partecipazione libera.


Nel corridoio del primo piano ci sarà uno spazio informativo dedicato (open day università...).

Abbonamento speciale per gli studenti


Anche quest’anno proponiamo agli studenti del triennio di tutti i tre gli indirizzi la possibilità di assistere a 6 spettacoli serali della Stagione Teatrale organizzata dal CTB, sottoscrivendo un abbonamento speciale del costo di 57,00 Euro.

A teatro gli studenti verranno seguiti da alcuni dei loro insegnanti ma, per facilitare la partecipazione di coloro che provengono dalla provincia, il CTB offre la possibilità anche ai genitori accompagnatori di assistere agli stessi spettacoli con costi agevolati (12 Euro a spettacolo).


Il CTB rilascia poi l'attestato di frequenza ai fini del credito formativo, con una presenza minima di 5 spettacoli su 6. Le date definitive degli spettacoli, in orario serale, saranno definite dopo che avremo presentato al CTB le iscrizioni.

Per informarsi: Prof.ssa Silvia Cerotti, Coordinatrice del Progetto.

Ottobre 19, 2018

Colloqui individuali

in Progetti e Iniziative

Davide Manfredi, ACL Multimedia

Ogni studente può richiedere alla Prof.ssa Monica Taraschi, un colloquio individuale orientativo. L'obiettivo in questi colloqui è quello di intraprendere con gli studenti un percorso…
Ottobre 18, 2018

Gli incontri Next

in Progetti e Iniziative

Davide Manfredi, ACL Multimedia

A partire da dicembre, agli studenti delle classi quinte sarà offerta la possibilità di conoscere vari esponenti delle professioni più diverse. Si potranno incontrare concrete…

Back to top

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.